pianura

La Resistenza in pianura

Gonzaga (MN), 19 dicembre 1944

Il 19 dicembre 40 gappisti e sappisti della bassa reggiana si recano a Gonzaga in bicicletta.

Nella notte, insieme ad altri 150 partigiani modenesi e mantovani, attaccano i presidi fascisti locali e il campo di transito 512, dove un reparto di tedeschi sorveglia 300 internati civili, ivi trasportati da Fossoli.

I prigionieri vengono liberati e i presidi conquistati.
Viene anche messa in fuga un autocolonna nemica giunta sul posto durante il combattimento.

Si recupera un grosso bottino di armi e materiali.

Durante il combattimento, protrattosi per alcune ore, rimangono uccisi due partigiani, 14 tedeschi, cinque  militi della Gnr del lavoro di Modena e una civile. 
Per rappresaglia un tribunale speciale tedesco condanna a morte sette partigiani (sei fucilati al poligono di tiro di Gonzaga, uno nei pressi del cimitero di Mantova).


Galleria fotografica