Via Lavatoio, 4 – Casa delle staffette

Rimini / Tra Linea Gotica e bombardamenti. La Resistenza

Via Lavatoio, 4 – Casa delle staffette

Questa era la residenza di uno dei responsabili militari dei partigiani, Attilio Venturi.

Durante la guerra, oltre che ad essere una base\magazzino per i partigiani, viene considerata la “casa delle staffette”: infatti è la moglie di Venturi, Rosina Donini (Margherita), ad avere l’incarico di loro organizzatrice. "Margherita" tiene i contatti diretti tra il PCI clandestino, il CLN e la Resistenza, operando in un’area che andava da Forlì a Cattolica.

Qui si riuniscono e partono per tutti i Comuni del circondario riminese le staffette operanti in zona: tra le tante ricordiamo Sara Croce,Adria Neri (Marga), Juditta Della Motta (Liliana), Elisa Mini Imola e Diana Tosi a Rimini, Alba Mini, Palmina Gattei e Nera Neri a Santarcagelo di Romagna, Carla Zanuccoli di Bellaria.

Il loro compito è quello di far circolare messaggi e reperire materiale utile (armi e cibo) per la Resistenza nonché attuare un controllo del territorio.

Da questa casa parte per combattere con l’8a Brigata Garibaldi anche il martire del campo di concentramento di Fossoli Walter Ghelfi.

Gli altri percorsi