Tra Linea Gotica e bombardamenti. La Resistenza

Rimini / Tra Linea Gotica e bombardamenti. La Resistenza

Piazza Cavour / Vecchia pescheria – Sede CLN

La prima sede stabile del Comitato di Liberazione Nazionale (CLN) di Rimini è in Piazza Cavour: nella prima settimana presso l'Albergo Cavour, successivamente si sposta presso i locali dirimpetto del ristorante “Leon d’oro” (ubicato in Via Pescheria).

A causa degli enormi sconvolgimenti che colpiscono la città sarà impossibile per i dirigenti partigiani dotarsi di una sede fissa fino a Liberazione avvenuta. Ricordiamo che pur già in attività, il CLN nasce ufficialmente solo agli inizi di marzo del '44 a Villa Verucchio presso la casa del fornaio Luigi Fiorani.

La particolarità è che nella stessa sede della Vecchia Pescheria, il 24 marzo 1921, si costituiva il fascio riminese.

In queste sale si dà inizio alla rinascita di Rimini: i componenti del CLN, guidati da Decio Mercanti, dopo aver terminato l’esperienza partigiana organizzano sia la vita politica e amministrativa sia una serie di servizi per i civili. In attesa del rientro del sindaco eletto Arturo Clari si insedia un sindaco “reggente”  Arnaldo Zangheri con la sua giunta, che fin da subito predispone un centro informazioni per civili, una sede sindacale, uno spaccio, un piccolo ospedale, due mense e un ostello. Il CLN concluderà la sua opera sciogliendosi nell'agosto del 1946.


Galleria fotografica