L'oppressione. I luoghi del potere nazifascista

Bologna / L'oppressione. I luoghi del potere nazifascista

Parco della Montagnola – Monumento al Popolano

Il 16 agosto 1944 a Bologna, in Via Massarenti, nei pressi dell'Ospedale Sant’Orsola, alcuni partigiani uccidono un milite fascista e feriscono il tenente colonnello Mario Rosmino, vice comandante provinciale della Guardia Nazionale Repubblicana.

Poche ore dopo prende corpo la reazione fascista: sette uomini vengono rastrellati a Marmorta di Molinella, alcuni sono partigiani della 5a brigata Bonvicini Matteotti.

Si tratta di Desildo Bagni, Anselmo CapellariAlfredo Cocchi, Gallo Corazza, Cesare Golinelli, Guerrino Zucchini e Olindo Zucchini.

La mattina del 18 agosto si compie la rappresaglia: gli uomini vengono fucilati in Piazza VIII agosto, davanti al monumento del Popolano, eretto a ricordo dell' insurrezione del 1848 contro gli austriaci.