Caserma della Milizia fascista – Piazzetta Pignedoli

Reggio Emilia / Reggio città occupata. Il potere nazifascista

Caserma della Milizia fascista – Piazzetta Pignedoli

Il complesso dove oggi si trovano il liceo statale “Ariosto-Spallanzani” e la Chiesa di Sant'Agostino durante la guerra venne occupato dall’esercito tedesco. Dal novembre 1944 ospitò il comando della Guardia Nazionale Repubblicana (GNR) e della Brigata nera.

La GNR fu istituita dalla Repubblica Sociale Italiana nel novembre del 1943 con compiti di ordine pubblico. Raccoglieva i resti della Milizia fascista e dei carabinieri.

Le Brigate nere furono costruite nel luglio 1944, militarizzando tutti gli iscritti al Partito fascista repubblicano non appartenenti alle forze armate. Per le armi e i mezzi di trasporto dipendevano dai militari tedeschi, che le utilizzavano per le imprese antipartigiane.

La Brigata nera si distinse per efferati atti di violenza: paesi incendiati, donne e bambini passati per le armi, deportazioni, sequestri, torture ed esecuzioni sommarie.