Persecuzione degli ebrei ferraresi

Ferrara / Persecuzione degli ebrei ferraresi

Caserma Bevilacqua, Corso Ercole I d'Este, 36

In questa caserma vennero rinchiusi gli ebrei maschi dopo il bombardamento del carcere di Via Piangipane (fine gennaio 1944). Si raggiunse un accordo nel quale si prevedeva che durante i bombardamenti tutti potevano fuggire dove meglio credevano, ma dovevano ripresentarsi entro mezz’ora dal cessato allarme.

Furono in pochissimi gli ebrei che approfittarono di questo accordo per fuggire. (R. De Felice, Storia degli ebrei italiani, p.452).

Nel febbraio del 1944 vennero portati nel campo di smistamento di Fossoli (Carpi) e poi deportati per la maggior parte ad Auschwitz.