Resistenza e repressione a Reggio Emilia

Nei venti mesi che separano l’Armistizio (8 settembre 1943) dalla Liberazione (25 aprile 1945), Reggio Emilia è occupata dai tedeschi e inserita nei territori della Repubblica sociale italiana. Per combattere l’invasore nazista, nascono e operano le brigate partigiane.

ResistenzamAPPe propone due percorsi pedonali sui luoghi più significativi di questo periodo tragico della storia di Reggio Emilia: il primo dedicato al mondo della Resistenza, il secondo alla repressione messa in atto dalle autorità fasciste e dai tedeschi.

Crediti

Resistenza mAPPe Reggio Emilia, a cura di Marco Marzi, Glauco Bertani, Massimo Storchi, Michele Bellelli

Coordinamento: Luisa Cigognetti

Fonti iconografiche: Archivio fotografico di Istoreco, Istituto per la storia della Resistenza e della societá contemporanea in Provincia di Reggio Emilia.


Web site and app design by
BraDypUS. COMMUNICATING CULTURAL HERITAGEBraDypUS. COMMUNICATING CULTURAL HERITAGE