Cerrè Sologno di Villa Minozzo (RE), 15 marzo 1944

Il 15 marzo 1944, presso il paese di Cerrè Sologno ha luogo uno degli scontri di maggior rilievo dell’intera guerra di Liberazione in ambito reggiano. Più che le scelte strategiche degli opposti schieramenti, è la casualità ad innescare la battaglia. Un reparto partigiano, di stanza nel borgo, viene colto di sorpresa da una compagnia mista composta da soldati tedeschi e militi della GNR. La compagine partigiana riesce infine ad avere la meglio, nonostante i 7 morti e gli 11 feriti. I nazifascisti hanno la peggio: si contano 10 morti e 22 prigionieri. Tra i feriti  tedeschi spiccava il tenente Speidel, membro del Comando Piazza di Reggio Emilia. Lo scacco subito porta a sovrastimare le risorse dei “ribelli” e rende quindi più sistematica la risposta militare tedesca. Tra il 18 ed il 20 marzo, infatti, scatta una durissima rappresaglia contro gli abitanti dei piccoli borghi appenninici tra Reggio Emilia e Modena, considerati basi logistiche dei banditi. Le formazioni partigiane, momentaneamente sbandate, si riorganizzano però nelle settimane successive.

La battaglia di Cerré Sologno è ricordata da una stele inaugurata nel 1954 sulla strada per Ligonchio al bivio per Carù.