I segni della Guerra a Bologna

Il secondo conflitto mondiale ha lasciato tracce profonde nella storia di Bologna. I percorsi proposti attraversano il cuore della città toccando alcuni luoghi al centro del conflitto tra Resistenza e nazifascisti o che raccontano la sopravvivenza dei bolognesi in tempo di guerra.

Le basi clandestine e le azioni dei partigiani, la repressione e i presidi di tedeschi e fascisti si contendono il territorio.

Nel frattempo, gli aerei alleati sganciano bombe causando centinaia di vittime. Dall’8 settembre 1943 al 21 aprile 1945, le vie e gli edifici cittadini offrono scampo e rifugio alla popolazione civile e agli ebrei in fuga dai rastrellamenti dei nazisti e dei fascisti. Talvolta invece si trasformano in trappole senza uscita.

 

ResistenzamAPPe Bologna è dedicata al Capitano “Stampa” Luciano Bergonzini e al Capitano  “William” Lino Michelini

Crediti

Resistenza mAPPe Bologna, a cura di Luca Alessandrini, Luisa Cigognetti, Gisella Gaspari Luca Pastore, Agnese Portincasa. Hanno collaborato: Nadia Baiesi, Rossella Ropa, Toni Rovatti, Cinzia Venturoli

Coordinamento: Luisa Cigognetti

Fonti iconografiche: Archivio e Biblioteca dell'Istituto per la Storia e le Memorie del '900 Parri Emilia-Romagna 


Web site and app design by
BraDypUS. COMMUNICATING CULTURAL HERITAGEBraDypUS. COMMUNICATING CULTURAL HERITAGE